Active-Italia: Il potenziale del resveratrolo nel trattamento delle malattie cardiovascolari

Il potenziale del resveratrolo nel trattamento delle malattie cardiovascolari

Cat: , ,
Le malattie cardiovascolari (CVD) sono considerate la causa più comune di morte nella popolazione mondiale e rappresentano gran parte delle spese per il trattamento. La protezione cardiovascolare del resveratrolo è associata a più bersagli molecolari e può portare allo sviluppo di nuove strategie terapeutiche per l'aterosclerosi, l'ischemia/riperfusione, la sindrome metabolica e l'insufficienza cardiaca, e così via...

Ipertensione

L'ipertensione è una condizione medica cronica che si manifesta con un aumento prolungato della pressione arteriosa.

Diversi ricercatori hanno dimostrato che il resveratrolo può abbassare la pressione arteriosa in modelli animali sperimentali di ipertensione con il bersaglio molecolare delle sirtuine e della SIRT1.

Per quanto riguarda i suoi effetti dipendenti dall'endotelio, è stato dimostrato che l'integrazione di resveratrolo migliora la vasodilatazione flusso-mediata, un surrogato della funzione endoteliale, in diversi modelli animali (Pearson et al., 2008; Rush, Quadrilatero, Levy, & Ford, 2007; Soylemez, Sepici e Akar, 2009; Toklu et al., 2010).

Il resveratrolo aumenta la biodisponibilità dell'ossido nitrico (NO) aumentando l'espressione dell'ossido nitrico sintasi endoteliale (eNOS) per mostrare gli effetti vasodilatatori (Leikert et al., 2002; Wallerath et al., 2002).

Tre isoforme di NO sintasi (NOS), eNOS, NOS neuronale (nNOS) e NOS inducibile (iNOS) potrebbero mediare il livello di NO (Calvert & Lefer, 2009).

eNOS svolge un ruolo importante nella fisiologia cardiovascolare perché regola il tono vascolare attraverso il rilascio di NO nell'endotelio vascolare (Calvert & Lefer, 2009).

È stato dimostrato che il resveratrolo coinvolge gli effetti del resveratrolo sul regolatore di informazione silenzioso 1 (SIRT1), sulla proteina chinasi attivata da AMP (AMPK) e sulle specie reattive dell'ossigeno (ROS) per aumentare la biodisponibilità di NO.

SIRT1 è un'istone deacetilasi di classe III che stimola la produzione di NO deacetilando eNOS ai residui di lisina (Arunachalam, Yao, Sundar, Caito e Rahman, 2010).

Il resveratrolo attiva SIRT1, quindi media sia l'attività che l'espressione di eNOS (Csiszar et al., 2009).

È stato dimostrato che il resveratrolo attiva l'AMPK per stimolare la produzione di NO (Dolinsky et al., 2013). L'AMPK, un importante regolatore del metabolismo energetico (Nagendran, Waller e Dyck, 2013), regola anche la biodisponibilità di NO tramite eNOS.

AMPK fosforilato eactivatea eNOS su serina 1177, con conseguente aumento della produzione di NO (Z.-P. Chen et al., 1999). Oltre al coinvolgimento di SIRT1 e AMPK nella mediazione degli effetti vasodilatatori endotelio-dipendenti, è stato dimostrato che il resveratrolo migliora l'attività di NOS aumentando i livelli di tetraidrobiopterina (BH4), un cofattore necessario per il corretto funzionamento di NOS (Carrizzo et al., 2013) .

Fonte dell'articolo

Bui Thanh Tung VNU University of Medicine and Pharmacy, Vietnam National University, Hanoi, Vietnam

Articolo

Clicca sull'icona per saperne di più

Articolo collegato

I meccanismi benefici per la salute dei composti fenolici dell'olio di oliva vergine
L'olio d'oliva vergine (VOO) è considerato uno dei tanti componenti salutari associati alla dieta mediterranea. popolazioni mediterranee. . .
scopri di più
Rilevanza biologica dei metaboliti dei polifenoli dell'olio extra vergine di oliva
Più di 30 composti fenolici sono stati identificati in EVOO, ma non tutti sono presenti in ogni olio. La grande varietà di polifenoli presenti in. . .
scopri di più

Condividi

AVVERTENZE IMPORTANTI

  • Le informazioni presentate in questo post non devono sostituire consigli, diagnosi o trattamenti medici o dietetici professionali.
  • Consultare sempre il proprio dietologo o medico registrato prima di apportare modifiche significative alla dieta o all'esercizio fisico.
  • Non ignorare la consulenza medica professionale a causa delle informazioni presentate qui.
  • I prodotti Active-Italia sono destinati esclusivamente all'uso in laboratorio e non sono destinati all'uso da parte dei consumatori.

Migliora la tua conoscenza sugli sviluppi della ricerca biomedica

C'è un oceano di pubblicazioni nella ricerca biomedica. Vogliamo aiutarti a navigare attraverso di essi, fornendoti informazioni pertinenti adatte alle tue esigenze e interessi professionali.